La trasmissione del Sars-Cov-2 sembra seguire la regola del gruppo sanguigno: il virus infetta più facilmente le persone con il gruppo sanguigno compatibile con quello di un infetto. A suggerire l’ipotesi è un modello matematico sviluppato da ricercatori dell’Istituto Italiano di Tecnologia (IIT), guidati da Giancarlo Ruocco, e pubblicato su Plos One. “Tutto nasce dall’ipotesi avanzata nel 2020 da un gruppo di ricerca francese dell’università di Nantes secondo i quali la trasmissione del virus fosse connessa al gruppo sanguigno degli infetti”, ha dello all’ANSA Ruocco, direttore del centro IIT di Roma e coordinatore dello studio.

Leggi l’articolo completo su Ansa.it

Website | + posts
Articolo precedenteAnticorpo monoclonale protegge dalla malaria fino a 9 mesi
Articolo successivoHiv, al via i test sull’uomo dei primi due vaccini a mRna