Scoperto il corallo più imponente della Grande barriera corallina in Australia: simile a una cupola, è largo 10 metri e alto 5 e in oltre quattro secoli di vita ha superato ogni genere di minaccia, dai cicloni all’invasione di specie aliene, dalle attività umane fino al riscaldamento globale. Identificato al largo dell’Isola di Orfeo (Goolboodi) da un gruppo di sommozzatori impegnati in un progetto di ricerca partecipata dai cittadini (‘citizen science’), è stato ribattezzato Muga dhambi, che significa ‘grande corallo’. Il suo studio, pubblicato sulla rivista Scientific Reports, potrà migliorare la conoscenza e la salvaguardia dei coralli, vere e proprie case-rifugio della biodiversità marina costruite in carbonato di calcio da migliaia di piccoli polipi.

Leggi l’articolo completo su Ansa.it

Website | + posts
Articolo precedenteHiv, al via i test sull’uomo dei primi due vaccini a mRna
Articolo successivoUniversità Federico II: “La cura per l’osteoporosi arriva dallo Spazio ed è federiciana”