Roma, 30 agosto 2021 (Agonb) – Potrebbe essere l’olfatto a guidare la scelta del pasto successivo a quello appena mangiato: gli scienziati della Northwestern University hanno scoperto che le persone sono diventate meno sensibili agli odori del cibo in base al pasto appena assaporato. Lo studio, pubblicato sulla rivista PLOS Biology, ha scoperto che i partecipanti che avevano appena mangiato un pasto a base di panini alla cannella o pizza avevano meno probabilità di percepire gli odori “corrispondenti al pasto”, ma non accadeva lo stesso per odori diversi.

I risultati sono stati poi confermati con scansioni cerebrali che hanno mostrato che l’attività cerebrale in parti del cervello che elaborano gli odori è stata alterata in modo simile: la risposta del cervello all’odore di un pasto era meno “simile al cibo” rispetto alle risposte a un odore di un pasto non abbinato. Il lavoro mostra…

Leggi l’articolo completo su Onb.it

Website | + posts
Articolo precedenteScoperto nuovo bersaglio terapeutico: variante proteica nei vasi sanguigni che “affama” i tumori
Articolo successivoVaccini anti-Covid, Italia verso la terza dose. Speranza: “A breve decisione scienziati”