David Julius e Ardem Patapoutian hanno vinto il premio Nobel per la medicina del 2021 per le loro scoperte sui recettori della temperatura e del tatto. La loro ricerca offre importanti possibilità mediche, perché fa luce su come ridurre il dolore cronico e acuto associato a malattie, traumi e ai loro trattamenti.

I ricercatori hanno spiegato come la comprensione dei meccanismi che regolano il calore, il freddo e la forza meccanica possano innescare gli impulsi nervosi che ci permettono di percepire e adattarci al mondo circostante.

Utilizzando la capsaicina, un composto pungente del peperoncino che provoca una sensazione di bruciore, David Julius ha identificato il gene che codifica il nostro sensore di temperatura, il canale ionico TRPV1. Il segnale emesso da questo recettore raggiunge il cervello, il quale determina l’intensità del calore e produce la sensazione di dolore.

Patapoutian ha utilizzato cellule sensibili alla pressione per scoprire una nuova classe di sensori che rispondono a stimoli meccanici nella pelle e negli organi interni.

Website | + posts
Articolo precedenteSalerno “Città della salute”: al “Polo nautico” la tavola rotonda con il ministro Speranza e il presidente D’Anna
Articolo successivoCon la formazione non si scherza. Sileri traccia la strada: “3 mesi per mettersi in regola. Poi scatteranno controlli e sanzioni”. La mission dell’ONB