“L’obbligo vaccinale per alcune categorie non è assolutamente un tabù e siamo pronti a prenderlo in considerazione. Ciò che ci protegge è il vaccino e non il tampone – ha dichiarato il Sottosegretario di Stato al Ministero della Salute Andrea Costa intervenuto a Radio Cusano Italia Tv. Non è corretto che chi si è vaccinato debba sopportare misure restrittive a causa di una minoranza che non si è vaccinata”. E sull’obbligo di mascherina all’aperto, ha chiarito il Sottosegretario Costa che, ad oggi, non è un’ipotesi sul tavolo del Ministero.

“Confido che questo possa essere un Natale diverso da quello dello scorso anno. Molte scelte dipenderanno da quanti non vaccinati decideranno di vaccinarsi. L’obiettivo è quello di raggiungere il 90% dei vaccinati, a quel punto credo che si possa aprire una fase nuova e rivedere anche le misure restrittive, come l’utilizzo del green pass”. Continua il Sottosegretario alla Salute Costa ai microfoni dell’emittente.

“Sulla terza dose serve essere chiari con i cittadini, mi auguro che non diventi un tema di dibattito politico” – ha concluso il sottosegretario Costa.

L’articolo completo su Ansa.it

Website | + posts
Articolo precedenteSanità Calabria, Bauleo (Federlab): “Sentenza Tar su tetti spesa è pasticcio giudiziario che rischia di ridurre sul lastrico la specialistica ambulatoriale”
Articolo successivoMalattie rare. Via libera dal Senato. Approvato il testo unico